facebook
instagram

Mia Valgranda

Prima ciaspolata dell'anno!

2021-02-20 08:13

Massimo Strumia

Trekking in Val Grande, valgrandedilanzo, alps, landscape, vallidilanzo, winter, snow, mountains, roedeer, chamois, frozen, waterfalls,

Prima ciaspolata dell'anno!

19 Febbraio 2021. Finalmente, dopo più di 4 mesi trascorsi tra zone rosse e arancioni a causa del terribile Covid-19, arriva la possibilità di fare un

19 Febbraio 2021. Finalmente, dopo più di 4 mesi trascorsi tra zone rosse e arancioni a causa del terribile Covid-19, arriva la possibilità di fare una scappata "mordi e fuggi" in Val Grande di Lanzo.

Levataccia alle 5 di mattina, assonato e quasi ferito dal suono della sveglia, mi alzo in fretta e furia. Una veloce lavata, vestizione quasi in trance e sono subito nel box per prendere l'auto: l'appuntamento con mio fratello Fabrizio è alle 5.30.

So già che, se arriverò in ritardo, mi toccherà subire una litania di frasi da parte sua del tipo "Sei sempre il solito!", "Mai che tu sia puntuale!" e altre che preferisco non approfondire per la loro natura offensiva e provocatoria!

Il viaggio in macchina trascorre rapidamente tra solidali commenti sulla recentissima pessima partita del Juventus in Champions League e i soliti resoconti sulle nostre vite familiari.

Arriviamo in valle alle prime luci del giorno e, senza nemmeno fermarci a fare colazione, percorriamo la strada che da Chialamberto conduce a Vonzo, nella speranza di incontrare i "miei amici" caprioli. Siamo abbastanza fortunati e avvistiamo alcuni ungulati, una coppia formata da un maschio adulto e da un giovane del secondo anno mi consente anche di scattare qualche buona foto.

Adesso sì che possiamo tornare a Cantoira per una meritata colazione!      

img8038-1613802195.jpg
img8029-1613802217.jpg

Dopo esserci rifocillati, optiamo per fare due passi nel Vallone di Sea, una delle zone più selvagge della Val Grande. Poche centinaia di metri e decidiamo di mettere le ciaspole, non c'è tantissima neve ma si tende comunque ad affondare... in fin dei conti sia io che Fabrizio siamo due omoni più alti di 1,85 metri!

Arrivati al primo pianoro del vallone, non riusciamo ad avvistare gli agognati stambecchi ma "solo" un camoscio solitario. E' molto distante ma non rinuncio a scattare qualche foto ambientata come piacciono a me. Il camoscio sta brucando degli arbusti spogli, un ben misero pasto ma l'inverno può essere molto duro per questi animali e bisogna sapersi adattare.

Tempo di fare qualche altra foto al gelido paesaggio invernale che è già tempo di tornare all'auto. Precedenti impegni chiamano ma io e Fabrizio ci ripromettiamo di tornare presto, Corona Virus permettendo, per una ciaspolata più lunga e impegnativa. 

img8124-1613802293.jpg
img8102-1613802319.jpg
img8136-1613802330.jpg
img8141-1613802339.jpg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder